en fr de it es

2Per il mondo della scuola il mese di maggio è il tempo della rendicontazione sociale, ossia un bilancio sul percorso educativo e didattico offerto ai propri alunni e di tutte quelle iniziative anche extracurricurriculari che hanno arricchito e completato la loro formazione e su questo fronte è molto attivo l’Istituto Comprensivo "Balilla-Compagnone-Rignano G." che pianifica e arricchisce la propria offerta formativa con progetti dedicati al territorio e alle sue risorse che devono essere conosciute e apprezzate per essere valorizzate e sostenute.
La possibilità di partecipare a Progetti Pon sull'Educazione al patrimonio culturale, artistico e paesaggistico quest’anno ha dato modo di trasformare l’Istituto in una SCUOLA APERTA, un luogo cioè che fa COMUNITÁ, dove i bambini trovano le opportunità, ma dove possono crescere anche gli adulti, dove si impara ad essere genitori migliori, insegnanti migliori e cittadini migliori e più consapevoli delle potenzialità del territorio.

concorso1Il contest fotografico, promosso dall’associazione Le fracchie, ha visto anche quest’anno la partecipazione di numerosi fotografi che, con scatti di elevata professionalità e qualità, hanno catturato e immortalato alcuni dei momenti straordinari della nostra tradizione e cultura. Difficile il compito della giuria, che dopo una attenta analisi e studio delle foto, per la terza edizione ha scelto di premiare quelle che hanno saputo meglio raccontare il significato della nostra settimana Santa.

 

BalillaE anche quest'anno la Pasqua con tutte le iniziative ad essa legate, in particolare i riti del venerdì Santo, si è conclusa ormai da circa due settimane. Per la nostra cittadina, protagonista assoluta dell'evento fracchie, è tempo di bilancio utile per valutarne la ricaduta sia in termini di conoscenza e condivisione di valori storici, religiosi e culturali che in termini di promozione e di crescita del nostro territorio e delle sue risorse.
In prima fila per promuovere l'evento e darne massima visibilità insieme all’Amministrazione Comunale e l’Arciconfraternita dei sette dolori, l'associazione "Le fracchie di San Marco in Lamis" che anche quest’anno ha attuato una serie di iniziative, mettendo in campo già da diversi mesi risorse, mezzi e conoscenze utili allo scopo.

logo completo neroL’associazione, come sancito nello statuto, è autonoma e libera, non ha scopi di lucro, confessionali o politici e si pone i seguenti scopi:
• promuovere e proteggere gli elementi e le espressioni del patrimonio immateriale relativo a tutto l'insieme delle tradizioni culturali e folkloristiche della settimana santa di San Marco in Lamis, le prassi, le rappresentazioni, le espressioni, le conoscenze, il know-how come pure gli strumenti, gli oggetti, i manufatti e gli spazi stessi che la comunità, i gruppi e gli individui riconoscono in quanto parte del loro patrimonio culturale;
• richiedere all’UNESCO l’iscrizione della secolare “Processione delle Fracchie” nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell’Umanità prevista dalla Convenzione per la Salvaguardia del Patrimonio Culturale Immateriale.

fracchisti2“Uniti si cresce!” Queste le parole di don Matteo che hanno caratterizzato l'ultima fase organizzativa del venerdì Santo sammarchese. Parole riprese dal sindaco Merla, lunedì sera, intervenuto durante l’incontro per organizzare e definire il percorso ed il posizionamento delle fracchie, ricordando ai fracchisti l’importante ruolo che ricoprono durante la processione e ringraziandoli per gli sforzi ed il lavoro svolto.

Pagina 1 di 4